Una scelta sofferta ma necessaria perché all’orizzonte, sia a livello locale che regionale e nazionale, si è dinanzi ad azioni politiche del Movimento 5 Stelle che sempre più spesso sono scollate dalle esigenze dei cittadini. Il consigliere comunale di Ragusa, Giovanni Gurrieri, lascia il partito fondato da Grillo e Casaleggio e si dichiara indipendente andando a confluire nel gruppo misto.

Appena qualche giorno fa a Palermo è stata imposta dall’alto la candidatura alle primarie, a Roma in un momento che continua ad essere ancora delicato per l’intera Italia, tra pandemia e difficoltà economiche dovute anche alla guerra, si pensa di aprire la crisi di Governo, in ambito locale continua l’inutile contrapposizione interna tra più anime, lasciando da parte i problemi della collettività. Non è possibile andare oltre.

“La politica è fatta di progetti e di simboli di appartenenza ma soprattutto è fatta da persone – spiega il consigliere comunale Giovanni Gurrieri – perché i progetti sono lo specchio dei soggetti che li animano e con l’esclusione, qualche giorno fa e dall’alto, del portavoce Ars Luigi Sunseri dalle primarie del fronte progressista, e con ultime azioni portate avanti a livello nazionale, non mi resta che allontanarmi definitivamente da queste logiche, prendendo una posizione netta nei confronti di chi ancora una volta dimostra di dimenticare chi lavora sul territorio per dare risposte ai cittadini.




Dall’alto si prendono decisioni senza ascoltare la base, la politica di palazzo mette da parte chi ha invece dimostrato intraprendenza, preparazione, voglia di offrire nuove opportunità ad una regione come la Sicilia.

Personalmente nel 2018 ho accettato la proposta di candidatura a fianco del candidato sindaco Antonio Tringali, persona che ringrazio, squisita, un amico che mi ha accompagnato in questi quattro anni di esperienza al Consiglio comunale dai banchi dell’opposizione, l’unica persona che poteva ricoprire il ruolo di primo cittadino nell’ambito di un progetto che alla fine non è andato in porto. Un progetto che complessivamente non si è poi sviluppato più di tanto negli ultimi anni. Da oggi, dunque le nostre strade si separano perché non mi rivedo più nelle logiche delle scelte attuate. E noto a tutti che la mia appartenenza al Movimento 5 Stelle si è concretizzata solo nei momenti immediatamente antecedenti alla composizione delle liste per la competizione comunale, una scelta effettuata proprio perché subordinata alla candidatura di Antonio Tringali, una scelta fatta proprio per la qualità dei soggetti in campo. Lo stesso principio mi porta a compiere la nuova decisione. Mi dichiaro pertanto indipendente posizionandomi nel gruppo misto in Consiglio comunale.

Auguro a tutti i componenti del Movimento 5 Stelle una buona continuazione, sperando che possano continuare a lavorare per le proprie comunità e per Ragusa, come continuerò a fare io proseguendo il mio personale impegno politico per la comunità”