“Differire di almeno un anno la scadenza dei mutui del 2020 (mutui DL 35 e mutui conto capitale) considerato che con delibera del Consiglio dei Ministri è stato dichiarato, per sei mesi, lo stato di emergenza sul territorio nazionale, a causa dell’emergenza  per l’evolversi della situazione epidemiologica del carattere particolarmente diffusivo dell’epidemia”

Ciò è quanto scrive in una lettera al Presidente ANCI Sicilia, Leoluca Orlando, il sindaco di Modica, Ignazio Abbate, il quale valuta opportuno un intervento dell’ANCI, in rappresentanza di tutti i comuni, per ottenere l’emissione di un provvedimento, da parte del Presidente del Consiglio dei Ministri, per differire di almeno un anno, per l’appunto, la scadenza dei mutui del 2020 (mutui DL 35 e mutui conto capitale).

“Sarebbe sicuramente un atto significativo per tutti gli Enti, scrive il primo cittadino nella missiva al Presidente Anci Sicilia, che oggi si trovano a combatte una situazione di grande emergenza economica ma soprattutto sociale.

Ritengo, altresì importante dare un segnale di attenzione per tutti i Comuni che sono in diverso grado esposti alle conseguenze dell’emergenza, con una situazione finanziaria sempre più grave a causa del calo delle entrate connesse al turismo, che sta mettendo in grandi difficoltà tutti quei comuni che vivono di tale risorsa.

Le chiedo, conclude la nota del sindaco Abbate, nella mia qualità, ma son certo di interpretare il pensiero di tutti i miei colleghi, un intervento mirato che possa dare almeno in questo momento di emergenza nazionale, un po’ di respiro a tutti quei Comuni che si trovano in serie difficoltà”.