La costa di Scoglitti pullula di rifiuti di ogni tipo e la situazione ormai è inaccettabile. L’allarme è partito da un gruppo di giovani, con in testa Giovanni Frasca che ha iniziato a pubblicare video e foto  sui social suscitando indignazione tra coetanei e non solo.

Si sono quindi detti che occorre fare qualcosa, ogni cittadino può contribuire a rendere migliore la società in cui vive. L’invito è stato raccolto dal WWF di Vittoria e dall’Associazione Fare Verde e ne è nata una iniziativa che si concretizzerà domani, domenica 22 dicembre, a partire dalle 9:30. I volontari si raduneranno sotto l’hotel Mida. L’invito è quindi rivolto a tutti i cittadini che vogliono impegnarsi in una giornata per l’ambiente, per ripulire dalla  e da qualsiasi altro tipo di rifiuti la bellissima costa di Scoglitti.

L’indagine Beach Litter 2018, condotta da Legambiente, fotografa una situazione a dir poco critica: su 78 spiagge monitorate, per un totale di oltre 400mila metri quadri, pari a quasi 60 campi di calcio, sono stati trovati una media di 620 rifiuti ogni 100 metri lineari di spiaggia.

La plastica si conferma la regina indiscussa tra i materiali più trovati, con un percentuale dell’80%, seguita da seguita da vetro/ceramica (7,4%), metallo (3,7%) e carta/cartone (3,4%). Sul podio dei rifiuti più trovati ci sono i frammenti di plastica, ovvero i residui di materiali che hanno già iniziato il loro processo di disgregazione, anelli e tappi di plastica e infine i cotton fioc, che salgono quest’anno al terzo posto della top tenI rifiuti plastici usa e getta sono stati rinvenuti nel 95% delle spiagge monitorate.

E’ il momento di fare qualcosa.