Il caso delle due maestre di una scuola materna di Vittoria, arrestate dalla polizia per maltrattamenti ai danni di bambini a loro affidati, ha indignato il popolo del web.

Qualcuno ieri ha anche pubblicato la foto delle due insegnanti e  sotto sono stati postati commenti con pesanti insulti e grave minacce.

Secondo l’accusa le due donne, di 54 e 59 anni, avrebbero insultato, umiliato, spintonato, strattonato e percorso i bambini.

Nei loro confronti agenti del locale commissariato e della squadra mobile di Ragusa hanno eseguito un’ordinanza del Gip che ha disposto per le due maestre gli arresti domiciliari.

Nel fascicolo dell’inchiesta sono stati acquisiti i filmati registrati da telecamere nascoste nella classe dalla Polizia, dopo che erano state avviate indagini in seguito a una segnalazione ricevuta. Nei video, sottolinea la Questura di Ragusa, emergono “le gratuite ed inaudite violenze fisiche e verbali ai danni dei bambini”. In uno si vede una delle maestre rimproverare aspramente un bambino, strattonarlo e colpirlo al viso più volte con schiaffi. La scena avviene mentre gli altri bambini della classe sono seduti per terra e guardano l’aggressione. “Quotidianamente e senza alcun motivo – sottolineano dalla polizia che ha indagato con la squadra mobile di Ragusa e il commissariato di Vittoria – le donne insultavano, umiliavano, spintonavano, strattonavano e percuotevano le povere vittime indifese che ormai, impietrite, sottostavano ai continui maltrattamenti e vessazioni, senza reagire e senza potere, data la tenerissima età, neanche raccontare le angherie subite ai genitori”.

E proprio la Questura di Ragusa ha divulgato il video completo, con le riprese effettuate dentro la classe dell’Istituto scolastico, e nel Commissariato.