“Sulla scorta di quanto sta già accadendo in altre regioni italiane ad alta vocazione turistica, sarebbe il caso che anche in Sicilia, oltre a guardare già all’estate 2021, ci si organizzasse per fornire le opportune certezze al settore turistico. In che modo? Potenziando i controlli per gli arrivi nell’isola, naturalmente. E, soprattutto, facendo in modo che chi giunge sul suolo siciliano possa presentare un certificato di negatività o di avvenuta vaccinazione. Perché tutto questo funzioni, però, è necessario fare partire il sistema dei controlli ben prima dell’inizio della stagione estiva”. E’ il senso della proposta lanciata dal presidente della commissione Attività produttive all’Ars, on. Orazio Ragusa, sottolineando la necessità di individuare una via, in collaborazione con il Governo nazionale, che assicuri alle imprese di settore del territorio isolano la possibilità di potere affrontare la stagione senza eccessivi assilli.

 




“La situazione, in Sicilia, lo sappiamo – continua l’on. Ragusa – è in fase di miglioramento. E speriamo prosegua così anche nelle prossime settimane. Se a ciò aggiungiamo le vaccinazioni, quelle già in atto e quelle che saranno effettuate a giorni, ci sono tutte le condizioni per percorrere sino in fondo la strada che ci porterà a uscire da questo incubo. Allo stesso tempo, però, c’è la necessità di

Continua a leggere NoveTv

la nostra Lettura diventa Premium

Sostienici o Accedi per sbloccare il contenuto!


SOSTIENICI


Hai perso la password?