Si è celebrato ieri il ricordo delle vittime del naufragio di Sampieri. Il 30 settembre di 6 anni fa, 13 persone persero la vita in mare nel tentativo di raggiungere la costa ragusana a bordo di un barcone. Ieri nella frazione marinara si è tenuto un momento di ricordo, una iniziativa coordinata da MH Casa delle Culture, organizzata in collaborazione con altre importanti associazioni che operano sul territorio provinciale quali: Gruppo di Ragusa del Corpo Italiano di Soccorso Ordine di Malta, Misericordia Modica, We Care, Chiesa Evangelica Metodista Scicli, Opera Diaconale Metodista Scicli, Lions Club Scicli Plaga Iblea e Centro Incontro Sampieri. La serata si è aperta con un momento in ricordo delle vittime tenuto da Francesco Sciotto (Pastore della Chiesa Metodista di Scicli) e da Padre Giuseppe Agosta (Parroco della Parrocchia di Sampieri). Sono stati  proiettati i documentari realizzati da Gianni Mania dal titolo “Sampieri 30 settembre 2013” e da Graziano Cascone, capogruppo C.I.S.O.M. di Ragusa, dal titolo “Diario di un soccorritore – Lampedusa Operazione S.A.R.”.

Infine, è stata svelata una scultura in ricordo delle vittime del naufragio. È una sagoma in legno di mezzo essere umano. Si tratta di quell’essere umano partito per un viaggio della speranza, verso la fortezza chiamata Europa, alla ricerca di una nuova vita. La parte mancante rappresenta la destinazione finale mai realizzata, il destino, l’oblio, il nulla.

GUARDA IL VIDEO