Tantissimi messaggi sulla rete, salutano il 28enne pozzallese Pietro (Piero) Modica, deceduto ieri pomeriggio a Modica a causa di un tragico incidente stradale.

Ma non è solo la città di Pozzallo a piangere per l’improvvisa scomparsa del giovane barista, anche Modica, dove il giovane lavorava e trascorreva le sue giornate. Un lutto improvviso per tutti insomma, la notizia che mai vorresti sentire, la scomparsa di una persona sempre gioviale.

L’impatto tra la moto Honda condotta dal barista e l’auto, una Jeep, è avvenuto sulla SS 115 al Km 345,50, la Modica-Pozzallo. Piero viaggiava verso la città marinara quando per cause al vaglio della Polstrada si è scontrato con la vettura condotta da G. S., 67 anni, di Augusta (SR), che procedeva nel senso opposto di marcia alla moto.

Per Piero purtroppo nulla hanno potuto fare i sanitari del 118 intervenuti sul posto. Il suo corpo è rimasto sull’asfalto.

Da tutti viene descritto come un ragazzo solare, pieno di vita, sempre allegro e con la battuta pronta.

Tra i tanti messaggi riportiamo qui di seguito quello del suo amico Salvo C.




“C’è qualcosa per cui non riesco a darmi pace in questa storia..

Sto ancora qui, a guardare il telefono, e cerco di comprendere come questo sia stato possibile..cerco di darmi una spiegazione..lo faccio da una giornata intera..

Non ce la faccio..

Sarai una di quelle cose per cui non potrò mai darmi una spiegazione..

Mi tremano le mani… trema il cellulare… mi si annebbia la vista…

Da solo chiuso in questa cabina, e quel tuo maledettissimo volto che mi frulla in testa..

Non so cosa pensare, non so cosa scrivere…spero che questo correttore faccia bene il suo lavoro..

Non sono bravo con le parole..e sai bene quanto sia contrario a certi gesti..e all’esprimermi in certi modi e certi posti…

Vorrei solo essere a casa per poter realizzare che tutto questo non sia vero e che non sia mai accaduto niente..

Vorrei poter tornare per riabbracciarti e poter parlare di qualche stupido videogioco..

Non comprendo come sia possibile che la vita abbia scelto te..

Non comprendo come sia possibile che tu fossi sempre col sorriso in volto…ti odiavo per questo!

Non comprendo come sia possibile che non passasse giorno senza una tua battuta…un tuo verso… una tua cazzata…ne facevi tante…ne hai fatte tante…ne abbiamo fatte tante!!

Non comprendo…semplicemente…

Voglio ricordarti per la persona splendida che eri… inutile dirlo..

Oggi con te si è spento un pezzo di me..

Si è spento un pezzo di tutti noi..

Macumpagnu…lo sai, uno dei nostri cantanti preferiti una volta scrisse: “a volte nella vita le soluzioni non sono così semplici…e a volte gli addii sono l’unica strada”

Per te lo erano invece..per te era tutto semplice..era tutto divertente..

E sei riuscito a rendere una parte della mia vita più lieve..

15 anni insieme..e chi l’avrebbe mai detto che quella volta che mi hai dato un colpetto sul casco quando ci siamo visti, sarebbe stata l’ultima..

Tutto mi sarei aspettato da te..

Ma questa non dovevi combinarmela..

Nessuno ti aveva dato il permesso..

Il tuo posto non è lì… abbiamo bisogno di persone come te e tu ne hai combinata un’altra delle tue..

Non posso perdonartelo..

Ti prego…guardami da lassù..dammi la forza.

Ciao mba piè..♥”