di seguito un comunicato stampa di Fratelli d’Italia Scicli sugli accertamenti 2014:

«Stiamo seguendo molto da vicino la vicenda degli avvisi di accertamento per IMU e TASI 2014 notificati dal comune ai cittadini di Scicli oltre i termini consentito dalla legge.
Sappiamo che il Sindaco Giannone e tutta la Giunta hanno fatto fronte comune continuando a sostenere che le notifiche sono state eseguite nei termini, tacciando chiunque se ne occupi di invitare all’evasione delle tasse.
Non è così, più dell’80% degli avvisi sono errati nei calcoli, con avvisi doppiati insonne richiesta a chi non le deve.
Ovviamente, avendo seguito da vicino l’iter per la messa in atto della class-action, ci siamo resi conto che il Comune è in errore, centinaia di cittadini hanno aderito, con un notevole esborso di denaro, alla class-action. Fratelli d’Italia Scicli fa appello al Sindaco e alla Giunta Comunale affinché provvedano al ritiro degli avvisi di accertamento notificati in ritardo, questo eviterebbe al Comune di sobbarcarsi la spesa legale della difesa presso la Commissione Tributaria.
Il Comune ha già troppe perdite di denaro da fronteggiare, reputiamo che azioni di orgoglio sono solo un danno per la collettività tutta.
Sindaco, Assessori, viene sempre prima il “bene comune”, un’azione di umiltà un “mea culpa” sarebbe a vantaggio non solo dei cittadini, ma, soprattutto, degli amministratori».

Fratelli d’Italia Scicli