È stata una presentazione in dolce-amaro quella della trentesima edizione del Peppe Greco.

Dopo anni le vie cittadine sciclitane saranno calcate da grandi campioni internazionali. Come solo lui sa fare, il patron Gianni Voi è riuscito a fare il colpaccio prendo all’ultimo campioni del calibro Amos Kipruto (Kenia), fresco di medaglia di bronzo ai mondiali di Doha e che vanta un palamrès che lo incorona tra i più grandi del momento. Poi c’è Worku Tedese (Etiopia) che appena 17enne è già riuscito imporsi in alcune delle competizioni più importanti a livello interazionale. Saranno 30 gli atleti che prenderanno il via stasera (sabato 26 ottobre) alle ore 9 in Piazza Italia sotto lo sguardo attento di campioni del passato come Massimo Vincenzo Modica fortemente legato a Gianni Voi e al Peppe Greco.




Il pettorale numero 1 sarà indossato dallo scilitano Tony Liuzzo che proverà a resistere alle incredibili falcate degli africani.

 

“Voglio chiudere in bellezza questa esperienza – ha detto Gianni Voi- alla fine forse mancheranno solo i fuochi d’artificio”. Una frase che conferma la sua volontà di chiudere con il Peppe Greco. “Non riesco più – dice-, in questi anni ho dovuto sorbirmi umiliazioni di tutti i tipi e poi, oltre all’aspetto economico, poi, sono subentrate delle priorità familiari”.

Il dato però è che il Peppe Greco quest’anno si fa e sarà una gara in grande stile come asserito anche da Lorenzo Bonincontro, consigliere comunale, presente in rappresentanza dell’amministrazione che ha voluto fortemente questa edizione. L’appuntamento è quindi per stasera in Piazza Italia con tante sorprese e molte conferme e la presenza di tanti giovanissimi della Provincia di Ragusa pronti a farsi notare nelle strade barocche di Scicli.