Pubblichiamo, di seguito, il comunicato stampa di Scicli Bene Comune che replica alla richiesta del PD di un consiglio comunale aperto sullo scioglimento del 2015:

«E’ il sintomo di una politica dal fiato corto, priva della capacità di farsi interprete dei bisogni e delle necessità di un territorio, cercare visibilità, credibilità e consenso sfruttando il legittimo sentimento di frustrazione di chi ha visto sciogliere il proprio Comune per infiltrazioni mafiose.

E’ dalla pubblicazione della Relazione delle Commissione Antimafia che indagando sul ciclo dei rifiuti nella nostra regione ha puntato i riflettori sullo scioglimento del nostro Comune, che assistiamo a spettacoli indecorosi di quanti, approfittando del momento, cercano di acquisire rendite di posizione per future campagne elettorali. Lo scioglimento per infiltrazioni mafiose di un comune non è cosa da poco e sollecitare, come noi abbiamo fatto, che sia fatta luce su tutti gli accadimenti che lo precedettero e lo seguirono è oltre che necessario anche doveroso, cosa ben diversa è cercare di specularvi per squallidi interessi di bottega. È inopportuno oltreché forviante e irrispettoso verso i cittadini chiedere, in questo momento di grande difficoltà, un Consiglio Comunale aperto su quest’argomento, ben sapendo dell’impossibilità di effettuarlo per le giuste norme di distanziamento sociale e, comunque non può essere certo un Consiglio Comunale a fare chiarezza su fatti di cui è deputata ad indagare la giustizia penale ed amministrativa».