Gara disputata al PalaTricomi di Rosolini per l’improvvisa indisponibilità del geodetico di Jungi in quanto un forte tasso di umidità ha reso scivoloso il terreno di gioco, la quinta di campionato di serie B di pallamano.

Primo stop dell’Asd Handball Scicli Social Club dopo quattro successi di fila per mano dei “cugini” dello Sport Club Scicli Agriblu.

“Era impossibile giocare – ha evidenziato il presidente Carmelo Ficili – a causa della condensa che aveva reso molto scivoloso il terreno di gioco del geodetico di Jungi. Da parte nostra non abbiamo avuto alcun problema nello spostamento sul campo di Rosolini, nonostante la distanza di 40 km, senza  mostrarci irrispettosi verso la società ospitante. Un po’ di rammarico per il pubblico numeroso che non ci ha potuto seguire, peraltro, la gara è iniziata alle 21,00. Alla fine siamo usciti sconfitti di misura perché loro sono stati più lucidi nelle conclusioni, mentre noi abbiamo sbagliato tanto, forse peccato di gioventù».

E’ stata una partita un po’ condizionata da questa situazione venutasi a creare almeno per la squadra gialloverde. La partita nel suo complesso è stata equilibrata, che ha visto i gialloverdi sbloccare il match dopo tre minuti con Ballaera, poi subendo un parziale di 4-2 e andando fino al 12’  in equilibrio, poi, una cinquina dei padroni di casa ha fatto in modo che la gara prendesse una certa piega in loro favore e alla fine si può affermare che è stata la chiave dell’incontro. Il primo tempo si è concluso 15-13.

Nella ripresa i padroni di casa hanno condotto la gara con esperienza limitando con un’attenta difesa gli attacchi dei ragazzi gialloverdi apparsi distratti, concludendo il match con un meritato successo per 23-21. Alla luce di questo risultato in casa gialloverde ci sarà parecchio da riflettere per poter migliorare in futuro l’approccio in gare in cui la posta in palio è alta, sbagliando il meno possibile.