Armati di decespugliatori, tagliaerba, rastrelli e tanta buona volontà, ieri i componenti dell’Associazione Primo Maggio sono ritornati a pulire ed abbellire alcune zone del quartiere di Iungi. Un gruppo formato da circa 10 persone, nella mattinata di ieri, nel pieno rispetto delle norme anti-contagio, si è dato appuntamento nei giardini che si trovano di fronte il campo Geodetico. Sono state rimosse le sterpaglie, ripulita l’area della spazzatura ed è stata riaccesa la Fontana. “Dopo 60 giorni di fermo totale – afferma il presidente dell’associazione 1° Maggio, Concetto Restivo, non vedevamo l’ora di riprendere l’attività.

L’area necessitava di un intervento e, con l’accensione della Fontana abbiamo voluto lanciare anche un messaggio, il nostro vuole essere un segnale di ripresa”. Con l’iniziativa di ieri, l’associazione 1° Maggio, composta per lo più da pensionati con una gran voglia di fare, continua la propria storica attività rivolta alla cura del verde e alla pulizia del quartiere Iungi.

“Ci piacerebbe – commenta un componente del gruppo – che il nostro impegno fosse da esempio alle nuove generazioni. Noi possiamo fare tanto per il nostro territorio e per la comunità”.