“Le parole lontane” dei Maneskin è il titolo della cover interpretata in un videoclip dalla giovane sciclitana Eva Sinacciolo.

Una splendida voce che, accompagnata dal suono di un pianoforte suonato da lei stessa, ha dato vita ad una nuova versione di uno dei brani del famoso gruppo musicale reso noto dal talent X-Factor.

Ad accompagnare Eva in questa esperienza, il ballerino Marco Arrabito, 19 anni studente universitario di Chimica alla Sapienza di Roma, con la regia di Martina Giannone, 20 anni studentessa di Lettere Moderne all’Università Cattolica di Milano.

Il video, girato all’interno di Palazzo Busacca nel cuore di Scicli, non fa che confermare l’indiscutibile bravura e voce della cantante, già consolidata dalle tante tappe raggiunte nonostante la sua giovane età, solo 16 anni.

“È stata un’esperienza fantastica – spiega la Sinacciolo – , mi sono sentita molto a mio agio con Martina, la regista, e Marco, il ballerino, che hanno reso le intense ore di riprese più “leggere”. Non pensavo potessi provare tanta naturalezza nel girare un video, ed è stata tanta la felicità nel vedere il risultato finale, e le numerose visualizzazioni una volta pubblicato”.

La Sinacciolo, adesso al terzo anno del Liceo classico,  studia canto da cinque anni con l’insegnante Lina Pluchino, e ha iniziato il terzo anno di pianoforte con il maestro Uccio Ingarao.

“Eva è una ragazza di grande talento vocale – spiega la sua insegnante -, ha un timbro scuro, potremmo dire black, e riesce a far sua ogni canzone che decide di rivisitare e confrontarsi. È un’artista completa, perché da due anni ormai si accompagna al pianoforte nelle sue canzoni. Studentessa modello, non manca mai ad una lezione di canto e di piano e affronta la lezione sempre con molta curiosità e impegno -prosegue la Pluchino -, perché le cose quando le fa, le deve far bene, come mi dice sempre lei!”.

Numerose le sue partecipazioni a concorsi canori, tra cui la vittoria di un’importante gara internazionale a Malta, e il raggiungimento, per due volte, della finale del Cantagiro.

“Per me la musica è un modo con cui poter esprimere me stessa – aggiunge Eva -. Suonare e cantare mi permettono di tirar fuori quello che ho dentro, nonostante io voglia dedicare il mio futuro anche ad altro, come ad esempio l’Università”.

A 16 anni è ancora troppo presto per capire cosa fare da grande, ma resta la certezza di una giovane ragazza che quando inizia a cantare riesce a stupire, forse grazie proprio a questa timida inconsapevolezza di cosa le riservi il futuro.

Lina Pluchino spiega la gioia nel vedere la sua allieva dietro una videocamera: “Vederla in quel video per me è stata una grande emozione perché conosco il suo impegno, i suoi sacrifici, la sua tenacia e perchè so che oggi si è realizzato il primo di  tanti sogni. Siamo molto orgogliosi sia io che il maestro Ingarao, che la segue per lo studio del pianoforte, e le auguriamo il meglio per la sua vita da cantante”.

Natasha Gambuzza

Guarda il video qui sotto