Nella splendida cornice di Piazza Faro a Punta Secca, si è svolta sabato sera la terza edizione del Premio “Cittadini Illustri Kamarinensi”. Una serata, organizzata dall’Amministrazione Comunale, coordinata da Giovanni Agnello, già vice sindaco di questo comune che grazie alla sua esperienza ha dato un notevole supporto alla manifestazione all’insegna della cultura e del ricordo dei personaggi premiati che hanno dato lustro alla città di Santa Croce Camerina.




I premi sono stati assegnati a: Angelo Mauro – meglio noto come Il ‘Capitano’ della storica Kamarinense Calcio -, S.E. l’Arcivescovo emerito Mons. Carmelo Ferraro, e, per la sezione del premio alla memoria, al poeta Luigi Balzano Conti. Anche quest’anno, ad affiancare il Sindaco, dott. Giovanni Barone, la ‘storica’ giuria, composta dal prof. Giovanni Aquila, dalla dott.ssa Antonella Rosa e da Gianni Giacchi, già apprezzati, nelle passate edizioni, oltre che per la loro professionalità, anche per l’indiscussa simpatia.

Il numeroso pubblico ha potuto apprezzare il concerto lirico sinfonico dell’orchestra “V. Bellini”, magistralmente diretta da colui che è stato definito il “direttore più istrionico della provincia di Ragusa”: il maestro Umberto Terranova, cui ha fatto da cornice l’esibizione di due tenori. Ospite particolare della serata il noto attore-regista Gianni Battaglia.




Nel corso della manifestazione, è stato ricordato anche un grande amico dei santacrocesi e storico amente della tradizioni, Pino Zisa. Premiate anche le Associazioni di volontariato impegnate nell’ultimo anno a fianco delle famiglie colpite dal Covid. A tal proposito sono state ricordate le fondamentali misure di prevenzione contro il virus, tra cui il vaccino che si è rivelato il mezzo di contrasto più efficace contro la pandemia. Tutti gli invitati hanno esibito per l’accesso in Piazza Faro il Green Pass.

“Alla base di questa manifestazione – afferma il Sindaco Giovanni Barone – ci sono i giovani che avranno in mano il testimone di queste tradizioni culturali con la consapevolezza di continuare a non dimenticare le radici di Santa Croce che hanno dato dignità alla nostra città con le loro eccellenze. Questi giovani – secondo il Sindaco – avranno un valore aggiunto alla loro preparazione se daranno valore alle loro radici. Ecco il senso della manifestazione. Si al progresso, ma non dimentichiamo mai le nostre tradizioni – ha concluso Barone”.