Nel trascorso fine settimana i Carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Ragusa hanno tratto in arresto due ragusani di 20 e 21 anni con l’accusa di produzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Le indagini condotte negli ultimi mesi hanno permesso di accertare che i soggetti si dedicavano abitualmente allo spaccio di marijuana su Ragusa e dintorni e gli importanti quantitativi trattati unitamente al giro di clienti hanno fatto subito interrogare gli inquirenti sui canali di approvvigionamento a cui i due ragazzi attingevano.

Nella serata di sabato 16 gennaio i Carabinieri di Ragusa hanno notato uno dei due soggetti aggirarsi con fare particolarmente attento e sospetto nei pressi di un’abitazione nel Comune di Santa Croce Camerina che non risultava né in uso né intestata al ragazzo. Pertanto è scattato un controllo nei confronti dell’uomo a cui è seguita la perquisizione dei locali all’interno dei quali, ben occultata nella mansarda, è stata rinvenuta una florida piantagione di 10 piantine di marijuana, ormai mature, ben attrezzata con un impianto di illuminazione e ventilazione, riscaldamento e una serie di temporizzatori che simulavano il fisiologico alternarsi di giorno e notte per permettere una regolare crescita della coltura che veniva curata anche con terriccio e fertilizzanti di qualità le cui scorte  erano parimenti presenti nel sottotetto. A conferma dell’attività illecita posta in essere dai due ragusani i Carabinieri di piazza Caduti di Nassiriya hanno sequestrato anche un libro mastro al cui interno erano minuziosamente annotati i nominativi dei clienti dei due arrestati unitamente alla contabilità dello spaccio che, stando alle prime ricostruzioni, avrebbe originato un giro di denaro quantificabile in qualche migliaio di euro. A latere delle annotazioni finanziarie erano presenti anche schizzi del progetto dell’impianto di coltivazione. Infine i militari hanno rinvenuto circa 45 grammi di marijuana pronta per la vendita e diverso materiale per il confezionamento di nuove dosi da immettere sul mercato illecito.




Le risultanze del controllo hanno quindi confermato una gestione di tipo aziendale e molto oculata dell’attività di coltivazione e spaccio di sostanze stupefacenti, che, data la giovane età degli arrestati, avrebbe

Continua a leggere NoveTv

la nostra Lettura diventa Premium

Sostienici o Accedi per sbloccare il contenuto!


SOSTIENICI


Hai perso la password?