La musica ricopre un ruolo fondamentale in molte slot machine, in particolare in quelle più nuove, ispirate per esempio a film, serie TV e videogiochi. Gli effetti sonori sono in grado di plasmare l’impressione che il giocatore ha della slot. Nella fattispecie, la musica viene inconsciamente associata con:

  • La qualità della slot machine: è fondamentale, ed è alto il numero di appassionati che mette sullo stesso livello la qualità della musica con la qualità della slot stessa. Alcuni gambler, addirittura, scelgono la slot proprio in base alla musica;
  • La familiarità che si ha con la slot: ricerche sul tema della psicologia del gioco dimostrano che i nomi e la musica delle slot machine determinano l’acquisizione di determinati comportamenti da parte dei giocatori. Questo perché gli appassionati sono portati a scegliere giochi associati a temi a loro cari: basti pensare che fra le slot più popolari in assoluto ci sono quelle dei Simpsons. Un tema familiare favorisce l’interazione con la slot, poiché la musica e i simboli sono noti: questo sfocia in un numero maggiore di giocatori che scelgono una determinata tipologia di slot, giocandoci più a lungo;
  • L’unicità della slot: la musica può essere usata per creare un tratto distintivo, che i giocatori riconoscano non appena ri-giocano alla stessa slot. Una musica immediatamente riconoscibile, poi, invoglia a girare ancora la ruota;
  • Il suono della vittoria: un particolare ritmo può inviare un messaggio preciso, il messaggio di vincita. Esso viene udito non solo da chi sta giocando in quel momento alla slot, ma anche dalle persone vicine, e ciò aiuta a migliorare l’autostima del vincitore. E il giocatore, ringalluzzito dalla vittoria, è più propenso a continuare a giocare. La musica, in questo particolare frangente, ha anche un altro ruolo fondamentale: spinge a credere che vincere sia più facile che perdere, che sia più comune – poiché la sconfitta non ha una musichetta caratteristica (o, perlomeno, le slot machine tendono a minimizzarla, tenendola a un volume molto basso).

Tutte queste considerazioni sono particolarmente interessanti se si considera quanto le slot machine siano cambiate negli anni. Questa forma di gambling ha iniziato a diffondersi dalla fine del 1800, e nel XXI secolo riscuote ancora un successo clamoroso. Come mai, verrebbe da chiedersi, un format di divertimento così antico continua a conquistare fan? Perché al giorno d’oggi le slot machine sono accessibili ovunque. È sufficiente avere una connessione internet per giocare, ed è difficile trovare una persona che non abbia dati sullo smartphone o una rete WiFi a cui collegarsi. Ecco perché non è difficile immaginare come le slot machine abbiano raggiunto i vertici della classifica dei giochi più amati.

Tuttavia, qualcuno potrebbe avanzare un’osservazione più che lecita: anche agli amanti del poker online non serve altro che un device connesso a internet per poter giocare; perché allora sono proprio le slot a conquistare la più grande fetta del mercato dei gambler? E qui torniamo al discorso introdotto in apertura: la musica. La musica contribuisce a creare un’esperienza di gioco unica e imbattibile, ed è spesso uno dei fattori presi in considerazione per la scelta dei siti di slot in cui giocare.

Le prime slot

Ovviamente, le prime slot machine non erano dotate di canzoncine di alcun tipo: nel XIX secolo la tecnologia era molto limitata. Nonostante ciò, però, le slot machine sono state da subito apprezzatissime. E lo stesso vale anche per le prime slot machine che hanno guidato il boom di Las Vegas: esse avevano solamente degli effetti musicali molto rudimentali. Questo dimostra come agli albori della diffusione di questa forma di gioco d’azzardo, la musica non avesse un’importanza imprescindibile.

Con il passare dei decenni, però, gli sviluppatori ebbero bisogno di novità per tenere viva la passione dei gambler. Ecco quando vennero introdotti i ritornelli musicali che conosciamo ancora oggi: da quello che caratterizza il jackpot al rumore delle monete vinte. Questi effetti divennero immediatamente molto popolari. Con il boom dei casinò degli anni ’60 hanno iniziato a diffondersi le prime musiche di sottofondo vere e proprie, e nemmeno 20 anni dopo erano diventate già la norma in ogni sala giochi – anche se inizialmente si trattava in massima parte di jingle polifonici, sulla scia delle suonerie dei telefonini. Indipendentemente dalla qualità, però, la musica ha conquistato i giocatori che si trovavano piacevolmente immersi nel caos sonoro dei casinò.

Le slot online

La digitalizzazione dell’intrattenimento ha alzato gli standard della qualità: sono cresciute le ambizioni degli sviluppatori. Su internet la musica è diventata un marchio di garanzia delle slot migliori: i gambler riescono a immedesimarsi completamente nel tema che hanno scelto. Pensiamo, per esempio, alle slot El Dorado: gli effetti sonori che richiamano i rumori della foresta pluviale catapultano i giocatori direttamente in Amazzonia! Ecco come, oggigiorno, non esiste slot machine senza musica: ci sono, addirittura, slot ispirate proprio alla musica – e in questo caso il ritmo diventa ancora più importante. È il caso, per esempio, delle slot dedicate a band come i Guns N Roses.

Benché sia abbastanza difficile (ma non impossibile) che un giocatore scelga una determinata slot machine solo ed esclusivamente per gli effetti sonori, un ritornello di sottofondo fastidioso e poco piacevole può davvero rovinare l’esperienza di gioco. Per questo motivo, gli sviluppatori devono fare tanta attenzione a questo aspetto del gioco d’azzardo, un aspetto che può allungare o troncare completamente la durata di una sessione di gambling.