Il Comitato Terre pulite, cui partecipa l’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) di Ragusa, insieme a Italia nostra, Fare Verde, Fai antiracket e antiusura (sezioni di Vittoria), Associazione prevenzione tumori (Apt) e alle associazioni Liberty bene Unesco, Eco Vittoria e Athalie, chiedono all’Assessorato Ambiente e all’Arpa Sicilia di avviare una campagna di monitoraggio pilota tra i comuni di Acate, Vittoria e S. Croce per rilevare, tramite apposite centraline mobili, il rilascio nell’aria di sostanze inquinanti. Chiede inoltre, in relazione alle indagini e ai controlli fino a qui svolti, di conoscere quali siano i risultati riscontrati.

“È necessario mettere finalmente a punto una strategia di monitoraggio in termini di efficacia ed efficienza, al fine di definire un protocollo operativo che tuteli i cittadini, troppo spesso costretti a inalare sostanze tossiche e diossine con gravi ripercussioni sulla salute e sull’ambiente. Alla luce, inoltre, dell’imminente stagione estiva, si auspicano maggiori e intensivi controlli in considerazione dell’incremento dei fenomeni degli ‘abbruciamenti’, che si rilevano prettamente nella fascia trasformata”, scrive il Comitato in una lettera inviata alla Regione Sicilia, al Ministero dell’Ambiente, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ragusa, alla Prefettura di Ragusa, all’Arpa,alla Polizia provinciale, al Libero Consorzio Comunale di Ragusa e all’Uoc, laboratorio di Palermo.




Il Comitato Terre pulite è da anni impegnato a cercare soluzioni per prevenire il fenomeno costante delle cosiddette “fumarole”. Pratica antica che accende roghi tossici soprattutto su tutta la fascia costiera, ma anche nell’entroterra, con “abbruciamenti” di

Continua a leggere NoveTv

la nostra Lettura diventa Premium

Sostienici o Accedi per sbloccare il contenuto!


SOSTIENICI


Hai perso la password?