Nel pomeriggio di ieri a Ragusa la Polizia di Stato ha sottoposto alla misura cautelare del divieto di avvicinamento alla vittima, V.R. di anni 35, di nazionalità albanese.

Il provvedimento, disposto dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Ragusa su richiesta del Pubblico Ministero, Dott. Fornasier, titolare delle indagini, è scaturito a seguito della denuncia presentata dalla vittima nei confronti dell’uomo. La donna ha raccontato che  V.R. dopo aver instaurato un rapporto di amicizia, le aveva manifestato l’intenzione di iniziare una relazione sentimentale.

Non essendo interessata, la donna lo aveva più volte respinto e l’uomo, fortemente ostinato nelle intenzioni, lo scorso  settembre, incontrandola casualmente in pieno centro a Ragusa, dapprima le si avvicinava con una scusa e subito dopo, adirato per la resistenza della donna a voler iniziare una relazione, la insultava ripetutamente, aggredendola e procurandole lesioni.

Al termine dell’attività d’indagine gli operatori della Squadra Mobile e delle Volanti di Ragusa hanno proceduto a notificare a V.R.  il provvedimento del divieto di avvicinamento alla vittima, con l’obbligo di mantenersi distante nel raggio di 300 mt.