I ristoratori di Ragusa chiedono aiuti economici ai governi, nazionale e regionale per potere riaprire i loro locali, in sicurezza. Ieri la protesta in Piazza San  Giovanni, una manifestazione pacifica, alla presenza del sindaco Giuseppe Cassì a cui i commercianti hanno consegnato le chiavi delle attività.

I proprietari degli esercizi hanno detto di essere sul lastrico, qualcuno probabilmente non riaprirà più.

I ristoratori hanno chiesto al Sindaco di avere certezze su quelli che sono i protocolli da usare.

Il Sindaco però non è stato in grado di dare risposte certe sulla riapertura, che ovviamente non può scaturire da una decisione comunale, bisogna attendere la pubblicazione del decreto e poi, in una fase successiva, la convocazione di un tavolo tecnico per capire il da farsi e come far ripartire i ristoranti a Ragusa. “Sono a vostro fianco, noi come amministrazione comunale abbiamo  sospeso i tributi – ha detto il sindaco Cassì – oltre questo economicamente null’altro possiamo fare”.

Il Sindaco ha espresso la disponibilità di accompagnare i ristoratori a Palermo per un colloquio con il presidente della Regione Musumeci.