Il paesaggio e l’uomo: questo è il binomio che caratterizza il mondo della Sicilia sud-orientale, dove la campagna arida dell’estate si mescola con il sudore atavico dei propri abitanti, dove le colline pietrose si adagiano sulle sabbiose spiagge della costa mediterranea. Nunziella La Cognata, Silvana Federico e Silvia Firrincieli cresciute a Ragusa, raccontano con i loro quadri questa realtà, dando voce, attraverso i colori e le forme, ad una natura che sa emozionare e stupire. Dal 24 maggio al 3 giugno presso il Centro Commerciale Culturale “Mimì Arezzo”.




Lo spazio è dedicato alla figura dell’indimenticato Mimì Arezzo, profondo conoscitore e cultore della memoria della città di Ragusa.

Saranno esposti i lavori più rappresentativi da loro realizzati. Le pittrici, senza nessuna pretesa di dichiararsi artiste, si dilettano semplicemente a raccontare con la pittura quello che vedono intorno a loro. Osservando la realtà con l’entusiasmo e la genuinità di un bambino e trasformando le loro visioni in quadri. Le pittrici, in questa esposizione d’arte, rispecchiano tre sensibilità diverse, la Federico tende ad emozionarsi e a prediligere il suo mare fonte d’ ispirazione ed armonia, la La Cognata rispecchia una sensibilità diversa privilegiando il territorio e l’impronta dell’uomo e del suo ingegno, la Firrincieli attraverso le sue opere, cerca di esprimere la sua essenza, il suo mondo e la sua anima.‎ I soggetti preferiti della Firrincieli sono: in pittura la donna e il mare mentre in scultura i fiori, i miti e le leggende siciliane.

L’Accademia delle Prefi in forma ufficiale sarà presente con il direttivo al completo, per omaggiare e attestare la validità della mostra e delle pittrici.

Sede della Mostra: Centro Commerciale Culturale Via Giacomo Matteotti n° 61 Ragusa