“Illogica  e  irrazionale. Senza i parcheggi annessi si rischia di affossare il tessuto produttivo della città”. Confimprese iblea boccia senza mezzi termini l’idea progettuale dell’amministrazione di attivare il prossimo 1 agosto la Ztl con 4 varchi di accesso muniti di 13 telecamere a Ragusa Ibla. Una città monitorata per “gestire il flusso degli ingressi e degli autorizzati  muniti di regolare Pass”. Dal mese  di giugno, la Ztl, sarà operativa solo il fine settimana.

“Una scelta assurda -spiega il presidente provinciale, Pippo Occhipinti – che non tiene conto di due elementi fondamentali. I parcheggi di interscambio, le aree di sosta esterne e la situazione economica precaria di molte attività dopo la chiusura forzata di due anni di pandemia”-  L’amministrazione comunale ha pubblicato la delibera di giunta numero 212 del 20 aprile avente come oggetto “ZTL a Ragusa Ibla dotata di sistemi di controllo elettronico degli accessi”.

Nel periodo estivo, La Ztl, sarà attiva dalle 20 e 30 alle 2. In inverno solo il fine settimana o in occasione di particolari eventi o manifestazioni. “Abbiamo più volte ribadito le nostre perplessità  – aggiunge Occhipinti  – non possiamo, dopo due anni di chiusure forzate, continuare a sperimentare sulla pelle dei cittadini. L’economia della città è  in ginocchio. Chiediamo un confronto con il sindaco Cassì e con l’assessore Barone per ribadire il nostro punto di vista. Servono, da subito, i parcheggi e un piano sulla mobilità ben articolato. A proposito di parcheggi dove è finito il tanto decantato progetto del parcheggio multipiano in via Peschiera?”.