Un settore in ginocchio, sempre più sfiduciato e che si sente inascoltato. Ma che non si vuole arrendere. Parliamo della ristorazione tout court, uomini e donne che, con il loro lavoro, divulgano  una delle eccellenze più importanti, anche a livello economico, del territorio ragusano. Adesso, con un  pacchetto di proposte, chiedono al comune di Ragusa un incontro per definire le linee guida per la prossima riapertura.

Il direttivo di Confimprese iblea, nel corso del direttivo sezionale, alla presenza del presidente provinciale Pippo Occhipinti, ha definito le proposte da sottoporre all’attenzione dell’amministrazione comunale. Tra le priorità l’azzeramento  dei tributi comunali (2020-2021-2022)– durante il periodo dell’emergenza Covid 19  con l’abbattimento del 50 per cento, per i prossimi tre anni e la regolamentazione del rilascio delle licenze per l’apertura di nuove attività economiche, legate al

Continua a leggere NoveTv

la nostra Lettura diventa Premium

Sostienici o Accedi per sbloccare il contenuto!


SOSTIENICI


Hai perso la password?