In occasione della ricorrenza della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, anche quest’anno la Polizia di Stato ha voluto rinnovare l’impegno nella prevenzione dei reati connessi al femminicidio a ogni forma di  violenza contro le donne e agli atti persecutori. Capillare è stata la partecipazione di Operatori specializzati nel settore alle  numerose iniziative ed eventi che sono stati organizzati in provincia per accrescere la conoscenza dei reati che rientrano nella sfera del Codice Rosso, quali maltrattamenti, stalking, revenge porn, violenze sessuali e femminicidio, così da contribuire alla crescita culturale di ogni individuo nella società civile.

Funzionari e personale specializzato della Questura e dei Commissariati di Pubblica Sicurezza e, in alcuni eventi organizzati da Enti,  Associazioni e Centri Antiviolenza, anche il Questore Giusy Agnello, hanno partecipato ad incontri formativi e informativi per fornire un contributo professionale in relazione alla delicata tematica della violenza di genere, nonché all’attività di prevenzione svolta e agli strumenti che gli Operatori mettono in campo per poter intervenire in tempo, prima che sia troppo tardi.

Focus prioritario sulla misura dell’ammonimento del Questore,  su denunce, arresti e applicazione del braccialetto elettronico per il controllo tempestivo del soggetto maltrattante o dello stalker .

Presente la Polizia di Stato il 24 novembre a Ragusa, al convegno  dal titolo “D’amore non si muore”, nonché ai convegni che si sono tenuti il 25 novembre a Ispica, dal titolo “Non abbassare mai la guardia”, a Comiso, dal titolo “Voce al silenzio”, a Scicli contro la violenza sulle donne.

Inoltre, la mattina del 25 novembre,  presso il centro commerciale “Le Masserie”, personale della Questura è stato presente con il Camper della Polizia di Stato per una campagna di sensibilizzazione sulla delicata tematica della violenza intrattenendosi con l’utenza e gli operatori commerciali per aiutare le donne a difendersi, rassicurandole sul fatto che non saranno mai lasciate sole. Nell’occasione sono stati divulgati i dati e le informazioni contenuti nell’opuscolo “Questo non è amore”, messo a punto dalla Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato.




“Esserci sempre” è il motto della Polizia di Stato a sostegno delle vittime vulnerabili e ai soggetti fragili e la Polizia di Stato continua la campagna permanente di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne ogni giorno, tanto con le azioni di contrasto, quanto con quelle di prevenzione e di informazione, raggiungendo soprattutto i giovani nelle scuole della provincia  di ogni ordine e grado durante tutto l’anno scolastico.

Inoltre, per tutta la giornata del 25 novembre la Questura di Ragusa è stata illuminata dal fascio di luce arancione in memoria delle vittime delle violenze.