E’ stato condannato a due anni di reclusione il macellaio ragusano che abbandonò il figlio neonato a Ragusa.

Il fatto oltre due anni fa, il 4 novembre 2020. L’uomo chiamò il 118 e i carabinieri dicendo di aver ritrovato il neonato abbandonato nei pressi della sua attività. Il piccolo, chiamato Vittoria Fortunato, venne soccorso dal 118 e trasportato al “Giovanni Paolo II” dove rimase per alcuni giorni ricoverato prima di essere affidato.

Ora per il ragusano è stata stabilita una condanna a due anni di reclusione, con la concessione delle attenuanti generiche.

Inoltre, il piccolo Vittorio Fortunato, potrebbe tornare tra le braccia della madre naturale dopo oltre due anni dalla nascita. Il Tribunale dei Minori di Catania, nel rispetto dell’Ordinanza della Cassazione del 13 dicembre 2022 che ha annullato il provvedimento di adottabilità, ha disposto gli incontri adeguatamente preparati, valutati, verificati e monitorati nel rispetto della delicatezza del caso.