Trenta migranti tunisini sono fuggiti dall’hotspot eludendo la sorveglianza. È accaduto nel pomeriggio di sabato quando le maggiori attenzioni delle forze dell’ordine erano indirizzate sulle operazioni di sbarco della Cosmo approdata nel porto ragusano con 108 migranti a bordo. È stato in quel frangente che i trenta hanno lasciato la struttura facendo perdere le proprie tracce. Un episodio che allarma i cittadini, ma che conferma anche le preoccupazioni del sindaco Roberto Ammatuna che nei giorni scorso si era recato a Roma proprio per rappresentare al ministro Luciana Lamorgese, tra le altre cose, la necessità di maggiore controlli sui migranti di nazionalità tunisina che – ha ripetuto più volte– non sono come gli altri che scappano dalla miseria e dalla guerra. «È da anni – dice Ammatuna – che sollevo questa problematica, la prima volta l’ho fatto con il ministro Minniti che ha prontamente risposto rafforzando la presenza delle forze di polizia attorno all’hotspot e aumentando la quantità di rimpatri settimanali. Questa è una delle grandi questioni che sollevo almeno

Continua a leggere NoveTv

la nostra Lettura diventa Premium

Sostienici o Accedi per sbloccare il contenuto!