Sarà allestita il 16 agosto, dalle 11.30, in Campidoglio  la camera ardente per Piero Angela, morto ieri a Roma all’età di 93 anni. Dopo è previsto il funerale laico.

Piero Angela è stato un amato “personaggio” della TV, ha condotto tanti programmi, ma è stato un uomo di grande cultura: dodici lauree honoris causa, ha scritto decine di libri, medaglia d’oro della cultura italiana, ha ricevuto onorificenze di Grande Ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana e di Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, riconoscimenti in Italia e all’estero.

Piero Angela ha iniziato la sua carriera giornalistica in Rai come cronista radiofonico, poi inviato e conduttore del tg, poi ancora inventore e conduttore di programmi che hanno contribuito a diffondere tra gli italiani una cultura scientifica, da Quark a Superquark per citare i più importanti.

Questo il suo messaggio di Addio:

Cari amici  mi spiace non essere più con voi dopo 70 anni assieme. Ma anche la natura ha i suoi ritmi. Sono stati anni per me molto stimolanti che mi hanno portato a conoscere il mondo e la natura umana. Soprattutto ho avuto la fortuna di conoscere gente che mi ha aiutato a realizzare quello che ogni uomo vorrebbe scoprire. Grazie alla scienza e a un metodo che permette di affrontare i problemi in modo razionale ma al tempo stesso umano. Malgrado una lunga malattia sono riuscito a portare a termine tutte le mie trasmissioni e i miei progetti, persino una piccola soddisfazione: un disco di jazz al pianoforte. Ma anche, sedici puntate dedicate alla scuola sui problemi dell’ambiente e dell’energia.