#zeppoladay:  Il 19 marzo non sarà possibile festeggiare San Giuseppe come siamo abituati a fare, per questo i pasticcieri d’Italia hanno deciso che, quando tutto questo finirà, dedicheranno una giornata al dolce simbolo della famiglia: la Zeppola di San Giuseppe. Sarà una giornata dedicata alla felicità. L’iniziativa ha preso piede sui social e pian piano ha registrato sempre più adesioni. Anche il pasticciere di Scicli, Andrea Giannone, ha aderito all’iniziativa condividendo sulla sua bacheca Facebook il post di quella che è diventata l’ Unione pasticcieri italiani. Ecco il contenuto del post:




«Cari amici, nessuno di noi ha mai vissuto una situazione del genere, costretti come siamo a chiudere le nostre attività, e impossibilitati a creare e a produrre insieme ai nostri preziosi collaboratori. Ma noi siamo pasticceri, abbiamo nelle nostre mani la possibilità di creare piccoli momenti di felicità, e in questi frangenti di inattività abbiamo maturato tutti insieme, da nord a sud, un’idea per riportare, appena sarà possibile, un po’ di leggerezza.
Tutti insieme abbiamo pensato di creare e dedicare un giorno al dolce simbolo della famiglia, dell’unione, della solidarietà: la zeppola di San Giuseppe. Come noto il 19 marzo non sarà possibile festeggiarlo insieme, ma noi non ci fermiamo e vogliamo istituire una giornata dedicata alla felicità, alla vittoria, alla libertà. E la zeppola sarà il dolce simbolo di questo giorno. Questo è il momento della Resistenza e dell’Unità, della speranza che spazza via la paura, della bontà che si diffonde nel mondo.
Come ben comprendete non siamo in grado, in questo momento, di definire una data, ma lo faremo appena la situazione lo consentirà. Nel frattempo un dolce abbraccio a tutti.
Noi ci siamo e ci siamo uniti per voi».