Una vicenda che ha commosso ma allo stesso tempo indignato, la morte di Nicole Di Pietro, deceduta poche ore dopo essere venuta alla luce alla casa di cura Gibiino il 12 febbraio del 2015. La piccola, nata all’1:18 spirò per alcune complicazioni respiratorie mentre in ambulanza veniva accompagnata all’ospedale di Ragusa.

Le condizioni della neonata si sono aggravate proprio dentro l’ambulanza, dove i medici avrebbero tentato di salvarle la vita. Purtroppo però invano.

Sei anni e tre mesi di reclusione ciascuno per la ginecologa Maria Ausilia Palermo, il neonatologo Antonio Di Pasquale e l’anestesista Giovanni Gibiino, imputati per omicidio colposo; tre anni per l’ostetrica Valentina Spanò accusata di falsa attestazione. Questa la richiesta della Procura di Catania formulata a conclusione della requisitoria nel processo per la morte di Nicole.