Sono stati messi in quarantena, dagli ufficiali della Polizia Locale, ben 12 modicani. Tutti erano venuti a contatto con gli otto contagiati dal coronavirus e appartenenti ad uno studio professionale di Ragusa. L’annuncio arriva direttamente dal sindaco di Modica, Ignazio Abbate. Oltre ad essere stati messi in quarantena, gli interessati saranno sottoposti lunedì a tampone per controllare il loro stato di salute.

“Alla luce di questa ultima notizia, con grande rammarico, visti i casi potenziali sul territorio modicani, mi vedo costretto a rallentare le operazioni di ritorno alla normalità (a cominciare dal cimitero) fino a quando non avremo notizie certe circa l’esito dei tamponi – dichiara Abbate -. Nel frattempo, ricominceremo domani la sanificazione delle strade del perimetro urbano e finiremo quelle agli ingressi e nei viali del cimitero. Purtroppo dobbiamo tenere a freno facili entusiasmi e restare concentrati sull’obiettivo, alla luce di notizie come questa tutto passa in secondo piano”.