Un risultato che è andato al di là delle aspettative, con oltre duemila presenze a popolare il borgo in un ritorno d’estate e in una primavera simbolica di vivacità e rinascita culturale. Il Marzamemi BOOK FEST che si è svolto nel borgo marinaro dal 18 al 20 ottobre, tre giorni dedicati a libri, con iniziative rivolte anche ai bambini e con ospiti di caratura internazionale, ha vinto la sua scommessa:portare i libri al centro di una manifestazione popolare e partecipata, non di nicchia ma estesa e trasversale.




Un risultato straordinario reso possibile dalla rete di cittadini, volontari della lettura, tra cui UNICEF e il gruppo Scout, che hanno adottato la manifestazione, costruendone la partecipazione e curandone ogni momento.

Il territorio è stato presente in tutti gli appuntamenti,rappresentando le sue emergenze, come la questione dello sfratto esecutivo dell’istituto Bartolo cui è stato dedicato un importante spazio, alla presenza dei giornalisti de L’Espresso Vergine e Tizian; o come le emergenze culturali legate ai luoghi della tonnara ancora in rovina e su cui non esiste chiarezza di progetto e coinvolgimento delle comunità locali.

A questi temi è stata dedicata una visita guidata della tonnara, condotta da Barbara Fronterrè, che ha narrato le storie antiche dei pescatori a trasmissione orale, cercando di condividerne il senso anche per il presente

Da Marzamemi, dunque, luogo paradigmatico dello sviluppo del sud est, trasformatasi in pochi anni da tonnara dimenticata a meta di turismo internazionale, parte la forte domanda di dare senso e regia allo sviluppo, a partire dalla qualità della vita delle comunità locali, sviluppo di cui cultura e lettura sono elementi essenziali e al tempo stesso, indicatori di vera diffusione di benessere sociale.




Come far crescere i luoghi senza svilirli, qual è il ruolo delle imprese in questi processi, come fuggire dagli ultimi posti nelle classifiche di sviluppo sotto ogni profilo, come crescere con il supporto di libri e lettura: questa la trama di importanti questioni sullo sfondo di un evento destinato a crescere e diffondersi e che ha già lanciato l’appuntamento con la seconda edizione dal 9 all’11 ottobre 2020.

Il Marzamemi Book Fest con i suoi organizzatori, infatti, preparerà progetti che andranno al di là dei confini cittadini e delle date della manifestazione, con l’intenzione di porre al centro della discussione pubblica proprio queste questioni fondamentali, legate al futuro della Sicilia.

Santina Giannone