“Bene l’apertura di un’inchiesta da parte della procura di Ragusa, ma la politica non può fare finta di nulla. Spetta ad essa l’onere di alzare il velo di omertà che copre pesantemente le condizioni di vita e di lavoro di migliaia e migliaia di lavoratori e lavoratrici, visibili e invisibili, che oramai fanno base presso l’estesa area dei Macconi”. Lo afferma la deputa 5 stelle all’Ars Stefania Campo, a commento della scomparsa dell’operaio ivoriano Daouda Diane, per la quale ha presentato una interrogazione a palazzo dei Normanni.

“La scomparsa del signor Diane – afferma Campo – è una tragedia che non ci fa restare indifferenti. Il signor Diane dopo aver girato un video sulle sue condizioni di lavoro non è più tornato alla propria abitazione. Sembra una vicenda d’altri tempi, addirittura d’altri secoli, e invece è successo proprio qui da noi, in provincia di Ragusa”.

“Questa terribile vicenda – continua Campo – è solo l’ultimo, in ordine cronologico, dei vari assurdi accadimenti che si sono susseguiti in questi ultimi anni. Ecco perché ritengo che l’opera della magistratura, encomiabile se raggiungesse l’obiettivo della verità, non basti e che non può sostituire l’azione politica e istituzionale del governo nazionale e di quello regionale. I cittadini di Acate, di Vittoria, del litorale di Scoglitti e dei Macconi meritano, assieme ai lavoratori che arrivano qui da noi dai paesi più poveri in cerca di un sostentamento, di vivere in un territorio sicuro e rispettoso delle norme. Non è più possibile sopportare ancora la violenza e la brutalità di una esigua minoranza che ritiene di arricchirsi e speculare sulle spalle dei propri concittadini italiani e siciliani e, magari, sulla pelle di lavoratrici e lavoratori immigrati completamente indifesi”.




“L’interrogazione presentata dal nostro gruppo parlamentare all’Ars – conclude Campo – va in questa direzione e si aggiunge ai numerosi incontri istituzionali già promossi da me presso il ministero dell’Ambiente, guidato dall’ex Sergio Costa, al ministero dell’Interno, con il Sottosegretario Carlo Sibilia e al ministero dell’Agricoltura, oltre ai vari atti parlamentari che ho presentato alla Regione Siciliana in contrasto all’emergenza ambientale, alle infiltrazioni mafiose nel settore agro-industriale e per il miglioramento delle condizioni di vita delle varie comunità di cittadini e lavoratori dell’area stessa”.

“Siamo molto contenti – afferma Michele Mililli dell’Unione sindacale di base di Ragusa – che il nostro appello sia stato raccolto dall’intero gruppo parlamentare regionale del Movimento 5 Stelle. La deputata Stefania Campo si è subito spesa affinché la nostra lettera aperta ai parlamentari siciliani fosse discussa all’interno del gruppo e diventasse una interrogazione all’Assemblea regionale siciliana. Anche oggi abbiamo ribadito alla deputata Campo come la questione di Daouda riguardi lo sfruttamento lavorativo che migliaia di lavoratori e lavoratrici subiscono sistematicamente nella fascia trasformata. È il momento che la politica si interessi seriamente di questa tematica”.