Italia in lutto per le vittime del coronavirus. Bandiere a mezz’asta e minuto di silenzio alle 12 in tutto il Paese, “unito nel lutto e sostegno reciproco” nella lotta contro il virus covid-19.

L’iniziativa, partita dall’Anci, è stata raccolta da tantissime istituzioni, dai comuni sloveni al confine fino al Vaticano. Uniti nel silenzio, le istituzioni e i cittadini hanno onorato la memoria delle oltre undicimila vittime italiane della pandemia e l’impegno straordinario di tutti gli operatori sanitari in prima linea nella lotta al Covid-19.

Tra i primi a mettere a lutto le bandiere è stato il Quirinale: sul balcone della piazza sono state fatte scendere a mezz’asta dai corazzieri.

I sindaci, in tutta Italia, hanno esposto sulla facciata del proprio Comune la bandiera a mezz’asta osservando il minuto di silenzio.  “E’ il nostro modo per ricordare le vittime del coronavirus, per onorare il sacrificio e l’impegno degli operatori sanitari, per abbracciarci idealmente tutti, per essere di sostegno l’uno all’altro”, ha detto Antonio Decaro, sindaco di Bari e presidente dell’Associazione nazionale dei Comuni italiani.

Nella foto il Comune di Scicli