“Il Modica calcio, non proverà a vincere: vuole vincere!”. Lo ha detto ieri, in conferenza stampa, Pino Rigoli, nuovo responsabile dell’area tecnica della società rossoblù.

E’ stato il tratto ‘tranciante’ della conferenza stampa a Torre del Sud, che segna l’inizio della stagione 2022/2023 della società, prossima al campionato di Eccellenza che comincia il 4 settembre. Da lunedì 25 luglio, la squadra, agli ordini del riconfermato, Giancarlo Betta, sarà al lavoro per preparare la nuova stagione, con obiettivo la serie D 2023/2024. Da disputare al Pietro Scollo di contrada Caitina.

“La buona notizia dei fondi del PNRR destinati al Caitina, ci ha convinto a continuare; abbiamo ambizioni ma non potevamo pensare di puntare al campionato dilettantistico nazionale più importante, senza un impianto adeguato a giocarci. Andiamo in deroga per l’Eccellenza prossima, adeguando, con interventi a carico della società Airone, il Vincenzo Barone”. Lo ha detto Mattia Pitino, proprietà del Modica calcio assieme a Danilo Radenza e Salvo Di Raimondo, aprendo la conferenza stampa e aggiungendo che l’adeguamento del ‘vecchio’ impianto, riguarderà l’allargamento del terreno di gioco sino a 58 metri e 30, lo spostamento della canaletta, la creazione di una tribuna degli ospiti con capienza sino a 150 posti nello spazio della tribuna B e la sistemazione del manto. “Grazie ad aziende e sponsor che ci hanno sostenuto la scorsa stagione e sono pronti a farlo anche quest’anno”, ha poi detto Pitino.




“I progetti per il Pietro Scollo, sono l’elemento che ci ha convinti ad andare avanti; nel farlo voglio ringraziare quanti, già dalla scorsa stagione, sono insieme a noi: sponsor e l’imprenditoria modicana, che ci sostiene, i tifosi e quanti hanno convissuto un anno di successi”. Lo ha detto Danilo Radenza, proprietà del Modica Calcio con Pitino e Di Raimondo, proseguendo l’incontro con i giornalisti mentre Salvo Di Raimondo, ha presentato le due nuove figure tecnico/dirigenziali della società: il presidente, Peppe Rizza, e, appunto, Pinto Rigoli che avrà il coordinamento dell’area tecnica della società. “Ripartiamo da certezze acquisite”, ha detto Di Raimondo, sottolineando, anche lui, l’ausilio importante ricevuto la scorsa stagione che è viatico fondamentale per gli obiettivi della prossima. Sia Pitino che Radenza come Di Raimondo, hanno evidenziato le interlocuzioni costanti con l’ex sindaco, Ignazio Abbate, e l’ex assessore allo Sport, Maria Monisteri, a proposito dei progetti per il Caitina finanziati dal PNRR e dettagliati dal presidente Rizza che ha voluto ringraziare personalmente e a nome della società, Giorgio Caccamo che ha guidato il Modica 2021/2022 nella conquista del campionato di Promozione della Coppa Italia scorsi.

Il Modica calcio, sarà composto da 22/24 elementi; solo 6/7 i confermati dello scorso torneo di Promozione. La società è al lavoro per chiudere accordi con calciatori di categoria, in attesa di definire i rinnovi. Betta, sarà il vertice di un team tecnico che comprende Ciccio Di Rosa come secondo, Roberto La Malfa, allenatore dei portieri, Walter Bocchieri, collaboratore tecnico. Fernando Caristia, sarà il team manager.