E’ stata effettuata al Policlinico di Messina, l’autopsia sui resti del piccolo Gioele, il bambino di 4 anni figlio di Viviana Parisi, la deejay trovata morta lo scorso 8 agosto cinque giorni dopo la sua scomparsa dopo l’incidente avvenuto sulla A20 Messina-Palermo.

“C’è una fauna entomologica” anche sul corpicino del piccolo Gioele ha detto il professor Stefano Vanin, entomologo chiamato dalla Procura di Patti per l’autopsia del bambino. “Adesso come nel caso della madre è tutto da analizzare in laboratorio”, dice. “Abbiamo una serie di requisiti a cui rispondere, abbiamo chiesto 90 giorni e faremo l’impossibilità per starci.”

Sul corpicino di Gioele è stata effettuata anche la Tac, come prima indagine, poi i medici hanno proceduto alle varie attività di ispezione, analisi, prelievo di campioni che dovranno essere approfonditi. Al momento quindi nessuna info utile per capire cosa è accaduto dopo che Viviana Parisi, con in braccio Gioele, ha abbandonato la sua auto incidentata facendo perdere le sue tracce in quei luoghi dove poi è stata ritrovata cadavere.