Monta la protesta contro il Dpcm del governo Conte, anche Catania è scesa in strada questa sera. In Via Etnea si sono incontrati giovani e meno giovani, semplici cittadini, operai, imprenditori, liberi professionisti, ristoratori, sportivi, ecc.

Tutti a urlare “Libertà, libertà”. Ovviamente violato il distanziamento.

La protesta contro il Dpcm che prevede la chiusura dei ristoranti alle ore 18,  chiude cinema, teatri, casinò, sale scommesse, palestre, piscine, centri benessere e centri termali. Sospesi anche i ricevimenti dopo i matrimoni.

“Le forze dell’Ordine sono con noi”, è stato detto durante i numerosi interventi, “li dobbiamo ringraziare, non caricare”. A prendere la parola anche ballerini, titolari di palestre, organizzatori di spettacoli, gestori di teatri.

Cori pesanti anche contro i politici e contro il governatore della Sicilia, Nello Musumeci.

Mentre vi diamo notizia la protesta è ancora in corso.