Scatta a mezzanotte il Green Pass obbligatorio anche per prendere aerei, treni a lunga percorrenza e navi, per l’università e per le scuole. Una decisione che ha scatenato, e continua a scatenare, ferventi polemiche, ma ritenuta di fondamentale importanza e necessità per il contenimento della diffusione del virus. Fino al 31 dicembre 2021 il certificato sarà obbligatorio per viaggiare sui treni ad alta velocità, Intercity, Intercity Notte, navi e traghetti per il trasporto interregionale ed anche per i voli nazionali. Esclusi i collegamenti marittimi nello stretto di Messina, a bordo dei quali non verrà richiesto il green pass, necessario invece per salire sugli autobus che collegano due regioni e che effettuano tratte turistiche più lunghe, sugli autobus per servizi di noleggio con conducente, esclusi quelli impiegati nei servizi aggiuntivi di trasporto pubblico locale e regionale. Non sarà invece necessario per metro, tram, autobus e treni regionali. Esclusi da tutti questi obblighi  i minori di 12 anni ed i soggetti che non possono vaccinarsi per motivi di salute.

Tutto il personale scolastico dal 1° settembre per poter andare a lavorare deve avere il green pass. Chi non si adegua non potrà accedere alle strutture scolastiche e verrà considerato in assenza ingiustificata, e dopo cinque giorni il rapporto di lavoro verrà sospeso e il dipendente non riceverà più lo stipendio.




A sostituire il personale assente per mancanza di certificazione verde saranno dei supplenti, le cui spese verranno coperte grazie allo stanziamento previsto dallo stesso decreto.

Agli studenti non è invece richiesto il green pass.

Le lezioni si svolgeranno in presenza, con

Continua a leggere NoveTv

la nostra Lettura diventa Premium

Sostienici o Accedi per sbloccare il contenuto!


SOSTIENICI


Hai perso la password?