I contagi in Italia sono leggermente aumentati rispetto alla settimana scorsa con 229’135 annunciati al 25 novembre. La variante BQ.1.1 continua quindi a diffondersi, come previsto. È probabilmente più contagiosa e si presenterebbe anche con caratteristiche diverse. Proprio per la sua contagiosità la variante è stata soprannominata “Cerberus”, mastino infernale, con un rimando alla mitologia greca. In base al sequenziamento delle acque reflue, i test stimano che BQ.1.1 era già responsabile, a seconda della regione, della maggior parte dei casi nel Paese all’inizio di novembre. E si presume che la variante, rilevata per la prima volta in Italia, “sarà quella dominante in tutto il Paese a novembre”. Molti esperti si aspettavano già il mese scorso che BQ.1.1 e le relative varianti avrebbero scatenato una nuova ondata di Covid.

Cerberus ha una capacità di trasmissione che supera di oltre il dieci per cento quella della sottovariante omicronica BA.5, dominante nell’ultimo periodo. Secondo le autorità sanitarie britanniche, la variante è addirittura del 29% più infettiva. Non è chiaro quanto l’ondata potrebbe essere forte.




Come dimostrato da uno studio statunitense, BQ.1.1. può infettare più facilmente le cellule del corpo a causa di diverse mutazioni nella proteina Spike, la proteina di superficie che il SARS-CoV-2 utilizza per entrare nelle cellule umane. Questo aumenta la contagiosità e forse rende anche il tessuto polmonare più suscettibile al virus rispetto alle ultime varianti dominanti. Allo stato attuale, tuttavia, non ci sono ancora “indicazioni per stabilire che BQ.1.1. causi un decorso più grave della malattia rispetto a BA.5. Tuttavia, secondo le osservazioni provenienti dalla Francia e riportate dal quotidiano “L’Indépendant”, sembrano esserci variazioni nei sintomi.

I soggetti infettati da “Cerberus” lamentano più spesso aritmie cardiache e forti mal di testa e, a quanto pare, soffrono anche più frequentemente di diarrea. Secondo lo studio,evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, i sintomi più comuni includono anche:

Malessere generale

Sintomi simili all’influenza

Mal di gola

Tosse

Dolori muscolari

Congestione nasale e starnuti

Difficoltà a respirare.