Continuano senza sosta i controlli del territorio del Comando Provinciale dei Carabinieri di Ragusa, con attività di contrasto ai reati contro il patrimonio.

In particolare, nei giorni scorsi, i militari della Stazione Carabinieri di Comiso, a seguito di attività di indagine effettuata mediante la visione di filmati di sorveglianza, sono riusciti a risalire all’identità di 2 persone autori del furto consumato la notte dell’11 maggio scorso in danno di una gioielleria di Comiso, più una terza persona che ne aveva occultato la refurtiva.

Dopo il furto, il proprietario della gioielleria aveva formalizzato la denuncia e consegnato i filmati di sorveglianza del proprio esercizio commerciale, quindi i Carabinieri, dopo aver visionato detti filmati, hanno ampliato l’area delle investigazioni acquisendo ulteriori filmati di videocamere insistenti nelle vie limitrofe l’evento riuscendo ad individuare un’abitazione sospetta.

I Carabinieri hanno così proceduto ad un controllo dell’abitazione ove veniva identificata P.C., donna vittoriese cl.89, rinvenendo occultata parte della refurtiva con ancora allegati i cartellini dei prezzi. Per quanto emerso, avuto positivo riscontro dall’attività, hanno successivamente effettuato ulteriori controlli domiciliari presso le abitazioni di altri due uomini individuati quali autori: P.G. e A.G., entrambi vittoriesi rispettivamente di 60 anni e 40 anni.

Gli accertamenti condotti hanno permesso di rinvenire ulteriore refurtiva e capi di abbigliamento compatibili con quelli indossati dagli autori del furto in gioielleria.

I militari hanno quindi sottoposto a sequestro i capi di abbigliamento e la refurtiva, in attesa di essere riconosciuta dal legittimo proprietario, nonché sottoposto le tre persone alle procedure di identificazione per poi deferire in stato di libertà i due uomini per furto aggravato alla gioielleria e la donna per ricettazione dei gioielli.