“ L’ordinanza del Presidente Musumeci, grandemente attesa e sollecitata in questo senso da più parti – dichiara il Primo Cittadino  di Comiso – , dà facoltà ai sindaci, sempre dal 4 maggio, di riaprire i Cimiteri. Dopo videoconferenza con gli altri sindaci della Provincia di Ragusa, e riunione con la giunta municipale e in particolare gli assessori ai servizi cimiteriali, al commercio, Alfano,  e alla Polizia Municipale, Di Trapani – spiega Maria Rita Schembari -,  ho emanato apposita ordinanza per la riapertura a partire da lunedì mattina, secondo le seguenti  regole:




  1. I rivenditori di fiori dovranno occupare gli spazi assegnati e debitamente delimitati, riservando un perimetro di due metri dal banco di vendita con possibilità di accesso ad un solo cliente per volta
  2. Gli stessi rivenditori dovranno indossare mascherine e guanti e mettere a disposizione dei clienti apposite soluzioni idroalcoliche per la disinfezione delle mani
  3. Tutti i cittadini dovranno rispettare rigorosamente le distanze interpersonali; potranno accedere al massimo due componenti per volta dello stesso nucleo familiare; in ogni caso non potrà superarsi il numero massimo di 200 presenze contestuali nell’intera area cimiteriale

Sono  particolarmente grata al Presidente Musumeci – conclude Maria Rita Schembari –  per aver accolto le istanze che venivano sia dai congiunti, che hanno tollerato fino ad ora con grave pena la restrizione vigente, sia dai floricoltori e dai commercianti al minuto di fiori, duramente colpiti da questa gravissima crisi” . L’ ordinanza è scaricabile dal sito www.comune.comiso.rg.it




“ Dal 4 maggio, sulla scorta dell’ultimo DPCM dello scorso 26 aprile, riprenderanno le attività di ristorazione, con inclusa, oltre alla possibilità della consegna a domicilio, anche la tipologia dell’asporto – aggiunge l’assessore Alfano -. Immediatamente gli uffici dell’assessorato al Commercio, della Polizia Municipale e lo stesso Staff del sindaco si sono attivati per consentire questa prima riapertura, nella maniera più ordinata e controllata possibile, onde evitare che si ingeneri la falsa e pericolosa convinzione che la nuova regola sia “libera tutti”. Le regole fondamentali da rispettare saranno quelle di:

  1. Non poter consumare quanto ordinato né all’interno né nelle immediate adiacenze dei locali di ristorazione
  2. Non fare assembramenti o raggruppamenti di persone fuori dai locali in attesa di poter avere pronta da portar via la propria ordinazione
  3. Rispettare sempre e comunque le distanze di sicurezza, indossare gli strumenti di prevenzione (mascherine e guanti monouso), che salvaguardino la salute di tutti

Saluto con favore queste prime riaperture – conclude Alfano –  mi appello a ristoratori e clienti, per richiamarli al massimo senso di responsabilità, perché il pericolo di nuovi focolai di contagio, in assenza di adeguata vaccinazione, è sempre incombente”.

Nella foto sotto Sindaco e Assessore