Nonostante i divieti, la zona rossa, e tutte le restrizioni legati all’emergenza covid, in Italia in molti non hanno rinunciato ai classici botti di fine anno. Tragico il bilancio: centinaia di interventi durante la scorsa notte da parte dei Vigili del fuoco, intervenuti per incidenti riconducibili ai festeggiamenti di Capodanno. Sarebbero 17 gli incidenti legati ai botti in Sicilia, il più grave a Licata (AG), dove due uomini hanno perso entrambi l’uso di una mano.

Purtroppo anche una vittima, ma ad Asti, dove un ragazzino è morto poco dopo la mezzanotte per le lesioni all’addome causate da un petardo. E’ accaduto nel campo nomadi, dove il bambino viveva. Soccorso immediatamente e trasportato all’ospedale, è arrivato al Pronto soccorso già in arresto cardiaco e per lui non c’è stato nulla da fare. Sul posto sono intervenuti i carabinieri.




Tra i feriti una donna che nel napoletano è rimasta ferita alla testa da un corpo metallico che le si è conficcato tra fronte e naso: in un primo momento si era

Continua a leggere NoveTv

la nostra Lettura diventa Premium

Sostienici o Accedi per sbloccare il contenuto!


SOSTIENICI


Hai perso la password?