“Sono anni ormai che i risparmiatori azionisti della Banca Agricola Popolare di Ragusa tentano di recuperare i propri risparmi. Da tempo infatti stanno subendo il blocco della liquidità delle loro azioni sottoscritte negli anni. Eppure quei titoli erano stati proposti come sicuri, in quanto non soggetti ad oscillazioni di Borsa e di facile liquidazione mediante il riacquisto da parte della Banca stessa”, lo scrive Letizia Giorgianni, Presidente Associazione Vittime del Salvabanche.

“Invece da anni i loro risparmi sono letteralmente bloccati all’interno di un mercato che, non solo ha portato a un importante perdita del valore di tali azioni, ma non permette nemmeno di recuperare ciò che ne rimane – scrive ancora in un comunicato stampa, Letizia Giorgianni, che aggiunge: –




“La Bapr ha alzato una cortina di ferro facendosi scudo di una direttiva europea, che limita il riacquisto delle proprie azioni secondo principi prudenziali. La Banca – senza avvisare i risparmiatori– ha limitato drasticamente il riacquisto di azioni proprie, consentendolo per

Continua a leggere NoveTv

la nostra Lettura diventa Premium

Sostienici o Accedi per sbloccare il contenuto!


SOSTIENICI


Hai perso la password?