Ancora una volta il Porto Turistico di Marina di Ragusa è stato scenario per una bellissima e colorata manifestazione sportiva organizzata dall’Airc di Ragusa, l’associazione di ricerca contro il cancro.

“Una corsa per la vita”, questo il nome della gara, ha visto circa 450 atleti correre con partenza e arrivo al porto, per lanciare tutti insieme un’azione di sensibilizzazione verso una malattia che continua a fare vittime soprattutto se non si segue un’adeguata prevenzione.

La manifestazione ha visto il supporto dell’Assessorato comunale allo Sport del Comune capoluogo, di vari sponsor privati e la collaborazione di numerosi volontari di protezione civile.

Sono stati circa 400 i bambini che hanno aderito alla manifestazione, appartenenti alle scuole elementari e medie. Sono stati divisi in varie batterie per correre per circa un chilometro lungo la splendida banchina del porto. Per la batteria dei bambini della prima elementare hanno vinto Enrico Trovato e Savita Russo, per la seconda elementare Gabriele Carfì, per la terza elementare Giovanni Bellina e Noemi Borrometi, per la quarta elementare Matteo Mauro e Federica Corallo, per la quinta elementare Daniele Colosimo e Giulia Di Grandi. Nella categoria riservata agli studenti delle scuole medie hanno vinto Zac Monsour e Giulia Iozzia. Da segnalare la presenza di numerosi bambini stranieri che hanno ottenuto anche importanti riconoscimenti classificandosi ai secondi e terzi posti.

Una cinquantina invece gli atleti adulti che si sono cimentati nella vera e propria competizione su un percorso di ben 10 chilometri. Sono partiti dal porto dove sono poi arrivati dopo aver attraversato il lungomare Mediterraneo e Andrea Doria e al rientro, nella seconda parte del percorso, il lungomare Bisani. Dunque un percorso tutto sul mare per una valorizzazione anche turistica. Per gli uomini, sul podio, Vincenzo Lorefice, Massimo Canzonieri e Carmelo Mezzasalma; per le donne Claudia Finelli, Fernanda Mirone e Patrizia Rollo. Alla fine si è svolta l’attesa fase di premiazione alla presenza della presidente dell’Airc, Cettina Raniolo Cassì, della delegata Giovanna Di Falco e di altre volontarie Airc, del direttore generale del Porto Turistico di Marina di Ragusa spa, Salvo Calà e dell’assessore allo Sport, Ciccio Barone in rappresentanza anche del sindaco Nello Dipasquale che ha condiviso fortemente l’iniziativa.

Come hanno tutti ricordato in un breve intervento, “Una corsa per la vita” ha voluto testimoniare l’impegno comune per sottolineare l’importanza della ricerca e della prevenzione ma anche per puntare sullo sport sano che permette di temprare il corpo e di fare aggregazione.