Lei ha 28 anni ed era al nono mese di gravidanza, la sua prima gravidanza. Aveva accusato dei dolori lancinanti all’addome, era pronta a partorire ma ieri sera il neonato è nato morto all’ospedale Guzzardi di Vittoria.

Momenti di tensione tra medici e familiari si sono vissuti al nosocomio, tant’è che è dovuta intervenire la polizia che ha sequestrato la cartella clinica per accertare lo stato di salute del bimbo in grembo fino al momento dell’ingresso nella sala parto. Le cause certe della morte potranno essere stabilite se la procura deciderà di far eseguire l’autopsia sul corpicino, o a seguito della querela delle presunte parti offese, e quindi accertare se c’è stata imperizia da parte dei medici.

L’Asp, ha fatto sapere il manager, Maurizio Aricò, stamattina ha appreso la notizia ed è stata avviata un’indagine interna. Il direttore generale ha inviato una nota agli interessati chiedendo dettagli sull’iter e sul caso clinico della paziente e del neonato.

La procura potrebbe aprire un fascicolo, per atto dovuto, con l’ipotesi di reato di omicidio colposo. Al momento non ci sono indagati.

Viviana Sammito