acifIl Tar ha accolto il ricorso presentato dall’Acif contro il decreto di sospensione del decreto che autorizzava l’ampliamento del mega-impianto per il trattamento di rifiuti pericolosi e non, con capacità annua fino a 200 mila tonnellate, in contrada Cuturi a Scicli.

Il Giudice in realtà non è entrato nel merito del procedimento, ma ha riconosciuto un vizio di istruttoria nel procedimento relativamente alla mancata indicazione della durata dell’efficacia della sospensione stessa.

Un errore banale che rimette tutto in discussione: leggi tutto l’articolo qui