Scicli – La Biblioteca compie 57 anni

Quante vite vorreste vivere? Chi legge, vive infinite vite, almeno pari al numero dei libri letti.

Oggi, giovedì 16 marzo la biblioteca comunale di Scicli compie 57 anni, e per festeggiare, l’amministrazione comunale di Scicli ha indetto un giorno di apertura straordinaria della struttura culturale di via Carcere: dalle 9 alle 21, reading, letture non stop, visite guidate a cura delle studentesse del liceo classico alla scoperta dei tesori della biblioteca.

Un giorno di festa per tutta la città, che coinvolgerà anche i più piccoli, che hanno la capacità di ascoltare ma non sono ancora capaci di leggere.

“Stiamo lavorando per riportare l’istituzione culturale intitolata a Carmelo La Rocca al centro della vita sociale della città -spiega il vicesindaco Caterina Riccotti- e per tale ragione abbiamo in animo di promuovere una serie di attività che rendano la biblioteca cuore pulsante del mondo giovanile e non solo. Oggi chi vorrà potrà anche donare un proprio libro alla biblioteca di Scicli, per arricchirne il patrimonio. Si fa un regalo a chi si vuol bene. E noi desideriamo che gli sciclitani vogliano bene alla loro biblioteca”.

Qui di seguito gli Auguri alla Biblioteca di START SCICLI

Le bibiblioteche sono le porte del futuro. Ma nel mondo ci sono governi che vedono l’occasione di chiudere le biblioteche come un modo facile di risparmiare denaro, senza capire che stanno rubando al futuro per pagare per l’oggi. Stanno chiudendo i cancelli che dovrebbero aprire.

Abbiamo il dovere di usare la lettura come un tempo di legami, un tempo in cui mettere da parte ogni tanto le distrazioni del mondo per sognare ad occhi aperti. È facile far finta che nessuno può cambiare niente, che la società è gigantesca e l’individuo è meno di niente. Guardatevi intorno: tutto ciò che potete vedere è stato in un certo momento immaginato. La nostra città esiste perché qualcuno la immaginò.

Da diversi anni non andavamo in biblioteca, varcavamo i suoi cancelli ed entravamo nelle sue polverose stanze facendo un giro tra gli scaffali. Gli studi sono finiti da un po’ di tempo ed i dubbi “moderni” ormai si risolvono su Google, insomma, perché saremmo dovuti andare in biblioteca?

Questa domanda, semplice e naturale, trova una altrettanto semplice risposta.

I lettori più appassionati vivono spesso un rapporto morboso con i libri, non amano prenderli in prestito, devono acquistarli, tenerli e conservarli tra le loro mura domestiche, non possono accettare il concetto del “libro preso in prestito”, perché si, per molti di loro la materialità del libro continua a riscuotere un certo fascino e non cederanno mai al freddo ebook.

Poi con la cultura non si scherza, costi quel che costi, quel libro tanto indispensabile quanto costoso, faremo in modo di farlo entrare nella nostra libreria.

Ed allora, cosa dovremmo andare a fare oggi una biblioteca?

I motivi, in verità, sono tanti. In biblioteca potremmo, per esempio, andarci per semplice curiosità, giusto per entrare in un luogo che “profuma” di storia, per poter sfogliare un volume antico o per prendere visione e sfogliare l’ultima novità editoriale, senza per questo doverci sentire in obbligo di comprarla.

La biblioteca può essere un luogo di incontro, un posto dove trovare la concentrazione perduta, nel quale ritrovare l’ispirazione, o anche solo trascorrere del tempo, passeggiando tra gli scaffali inclinando la testa di qua e di là per leggere i titoli dei libri. Un luogo dove sognare, immaginare un viaggio, cercare delle risposte, anche grazie ai preziosi consigli di chi, per lavoro o per passione, conosce quei libri come se fossero elementi della propria famiglia.

La biblioteca potrebbe essere un posto in cui portare i bambini a trascorrere un pomeriggio diverso dal solito, un posto dove andare a studiare e -magari- fare qualche ricerca attingendo a fonti diverse da Wikipedia, un posto in cui andare a lavorare, con il proprio computer.

La biblioteca può essere tutto questo, ma prima di tutto essa è un luogo pubblico, perché pubblico deve essere il bene prezioso che in essa viene custodito, ovvero il Sapere. La sua esistenza ed il suo ruolo educativo contrasta, essenzialmente, la disuguaglianza sociale, consentendo a tutte le fasce sociali della cittadinanza di accedere a quel “bene comune” chiamato conoscenza, cultura.

Per questo motivo dobbiamo sentirci liberi, ogni giorno, di andare in biblioteca.library-of-babel-erik-desmazieres-illustration

Cara Biblioteca, diamoci del tu, non sarai certo la biblioteca d’Alessandria ma nel nostro piccolo ti vorremmo dedicare quelle splendide parole contenute nel “De Bibliotheca” di Umberto Eco che riprendono magnificamente quelle di Jorge Luis Borges descritte nella sua opera “La Biblioteca di Babele”.

Ti promettiamo che verremo a trovarti più spesso, troveremo insieme il modo per non farti sentire vecchia e sola, e faremo di tutto perché tu possa innovarti e diventare grande anche nell’era dei nativi digitali.

Buon compleanno, cara Biblioteca, ed un grosso e fiducioso augurio va dato anche ai nuovi componenti del Consiglio della Biblioteca, di recente nomina, che, siamo certi, esalteranno le tue immense doti.

Per tutto questo, Ti auguriamo di rimanere un solido punto di riferimento, sempre al passo con i tempi, per noi cittadini di Scicli.

 

0 Comments

You can be the first one to leave a comment.

Leave a Comment

 
 



 

Vertical Slideshow

Visite

  • 301 Moved Permanently
» wp.com stats helper

Nove & NoveTV

Iscritta presso il tribunale di Modica, n° di Iscrizione 2/2010.

Direttore Responsabile Carmelo Riccotti La Rocca.
Responsabile generale NoveTv, Giovanni Giannone

 
Testata iscritta presso il Tribunale di Modica,al n. 2/2010. Direttore Responsabile Carmelo Riccotti La Rocca