CASSIBBA MARCELLOLa notte tra il 15 ed il 16 agosto ha forzato le portiere, tentando di rubare alcune autovettura in sosta nel centro abitato di Scicli e successivamente ha tentato di entrare in un’abitazione in c.da San Biagio. Sorpreso dai proprietari non è riuscito a portare a termine i suoi piani.

Ieri pomeriggio il 42enne sciclitano, pregiudicato per reati contro il patrimonio, Marcello Cassibba è stato raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Ragusa. I Carabinieri della tenenza di Scicli hanno eseguito il provvedimento ponendo ai domiciliari l’arrestato.

Cassibba ha tentato di commettere reati, fuggendo alla vista dei carabinieri, mentre era sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune di Scicli, che imponeva all’uomo di non allontanarsi dalla sua abitazione dalle ore 20:00 alle ore 07:00. Non ottemperando agli ordini del giudice, il pregiudicato era tornato a rubare. La misura cautelare era stata emessa nel 2015, quando era stato arrestato in flagranza di reato per furto in abitazione, avvalendosi della collaborazione del figlio minore.

In quest’ultimo episodio Cassibba è stato incastrato dalle testimonianze delle vittime dei tentati furti. Identificato il sospettato, i carabinieri lo hanno cercato nella sua abitazione dove non è stato trovato negli orari in cui invece era obbligato a stare in casa. Pertanto i militari dell’Arma hanno richiesto un aggravamento della misura cautelare: dall’obbligo di dimora agli arresti domiciliari.

Viviana Sammito