ninu u lantirnaru 2Con lui se ne va un pezzo di storia della città di Scicli. Antonino Manenti è morto stamattina, 8 Gennaio, all’età di 79 anni.  A Scicli il signor Manenti era conosciuto da tutti come Ninu u lantirnaru.  All’età di 6 anni inizia a lavorare in una bottega come stagnino. A 15 anni si è messo in proprio. Negli ultimi anni la sua bottega al quartiere San Bartolomeo era divenuta tappa fissa dei tanti turisti.

Ninu u lantirnaru o u russu, come lui stesso aveva scritto nella sua bottega, era l’amico di tutti, persona umile e di sani principi, artigiano dal 1952 aveva scritto nel suo grembiule.

Da anni ormai in pensione, non abbandonava mai però la sua bottega, dove realizzava piccoli capolavori molto apprezzati in particolar modo dai turisti.

“U Lantinaru” vecchio mestiere ormai inesistente, “Lo Stagnino” colui che ripara e aggiusta ogni oggetto di latta o rame. “Ninu U Lantinaru” è stato uno delle ultime testimonianze di questo antico mestiere, una grande testimonianza di un passato che purtroppo non ritornerà mai più. La semplicità, l’onestà, e la laboriosità di un semplice uomo, Don Ninu, che rimarrà per sempre nel ricordo di chi ha avuto la fortuna di conoscerlo.

I funerali saranno celebrati martedì 10 Gennaio alle ore 10 nella Chiesa di San Bartolomeo.

La redazione di novetv esprime le proprie condoglianze ai familiari.

Qui sotto pubblichiamo un ricordo di Bartolomeo Trovato, una poesia in dialetto. Qui invece un archivio fotografico sempre a cura di PMM GROUP SCICLI

ninu u lantirnaru” a putia è nicaredda, ‘mpurtusiddu ‘nta na ngnuna  immusa, u sularicchiu ca scala i lignu nun putia mancari pirchì tutti i cosi antichi ci po’ acchianari, cintinara migghiara ri minchiateddi fatti che sa manu, quartari quartareddi, lumeri e tullanè ci ni truovi a tinchi tè, na na cantunera all’ucchiddu u suli ci puoi truvari : a cafittera po cafè e  pe ficumori e iddu la sa storia subbutu ta cuntari,

na na ngnuna u catusu a vaschidedda  u menzaranciu e piatta risarciuti,

iddu ri chisti cosi a storia ti vo cuntari ri sti mistieri assai antichi e truoppu rari.

Cu riddu nun ti ci puoi  firmari pirchì si minta a parrari e di manciari ti fà scurdari accumincia a diciriti chista chi a canusci? e ti muscia nu ritrattu, chistu chi u sai chi gghè e ti mmuscia u sbriuni e u tullanè,

è priatu u zu Ninu se ci parri ro mastru suo u zu Giuvanninu, lantirnaru finu ca a san Giuseppi crisciu a don Ninu

U stai salutannu è l’ultima cosa ta cuntari ricienniti ca sa putia è famusa assai, giornalisti, scrittori e chiddi ra RAI cia nu vinuti e ritratta e filmini minni na nu fattu ca nun ti puozzu cuntari, canuscii macari a Mengacci ca na ruminica o comuni mi vosa ‘ncuntrari pi cuntarici la storia ri scicli ca sa travagghiari, a Sarfagna u ritrattu cu mia si vosa fari e iu priatu a tutti u vuogghiu mmustrari.

Ora si ficia manzuornu e a mangiari vi vuogghiu mannari riurdavi ca Ninu u Russu pi mentri ca u Signuruzzu vò ca mi putiti truvari e quannu a riddu mi vo chiamari ne ritratta mi putiti talaiari.

Ciau Vartuliddu beddu ti vuogghiu beni comu vulia beni a Mimmuzzu e u zu Vartuliddu ta nannu.

Qui di seguito invece un video prodotto da Stefano Sgarlata, Andrea Giuseppe Errera. Una simpatica intervista al Sign. Drago, che ha conosciuto Adriano Celentano ai tempi del servizio militare. L’intervista è stata realizzata proprio alla bottega di Ninu u Lantirnaru.