Continua il via vai dei cittadini all’ufficio Tributi del Comune di Scicli per chiedere chiarimenti in merito alle bollette del canone idrico recapitate nelle scorse settimane agli utenti sciclitani.




Fioccano le proteste. Nella fatturazione i cittadini lamentano una aggiunta di spese non indifferenti per la depurazione: «Ma perché dobbiamo pagarla se poi l’acqua non è potabile? Bastano due giorni di pioggia e l’acqua dei rubinetti esce color marrone – ci raccontano un gruppo di cittadini -. Questo significa che l’acqua è depurata? Gradiremmo una risposta da parte del Comune” – affermano ancora i cittadini-.

L’altra lamentela riguarda il pagamento, in unica soluzione. Bollette di 450, 800, e in altri casi che superano i 1000 euro: i cittadini si vedono così costretti a recarsi al Municipio per chiedere la rateizzazione.

Le bollette idriche sono “salate”, non ci sono dubbi. Il Comune fa sapere che il calcolo è stato effettuato applicando le tariffe approvate dai Commissari, il 29 Aprile del 2016.

Diverse sono invece le segnalazioni che giungono in redazione in merito a bollette con maxi importi, dove chiaramente vi sono degli errori e quindi vanno ricalcolate.