Grande successo per la New Fashion Dance e il suo spettacolo “2 siciliani alla ricerca delle proprie origini”. A presentare l’evento della maestra Paola Gambuzza, Giovanni Giannone che, come succede ormai da 9 anni, ha accompagnato con grande bravura l’insegnante e i suoi allievi durante l’ultimo appuntamento di un anno pieno di lavoro e sacrificio.

Tanta la gente che ha fatto da pubblico al Teatro Italia di Scicli e che ha applaudito con enfasi alla storia di questi due giovani esploratori alla ricerca delle proprie origini. Momenti di adrenalina e allegria, si sono alternati ad emozionanti balli che hanno trattato il tema dell’emigrazione e della mafia, forte impronta da sempre nella storia della nostra Sicilia.

 


I due ragazzi, come già anticipato precedentemente, sono partiti, in veste di Sherlock Holmes, alla volta dell’America, girando tra i paesi che nel 900 fecero da “rifugio” a tutte quelle famiglie che, partendo con pochi soldi e senza alcuna conoscenza, andarono alla ricerca della propria fortuna.

Una storia forte, vera, che fortunatamente ha un lieto fine, ma che la maestra Paola ha deciso di raccontare con tutto il suo impegno insieme ai suoi allievi, affinché nessuno possa dimenticare le nostre “radici”.

Da Miami, con i bagnini di Baywatch, sono passati alla luccicante Las Vegas, tra il fascino di Marilyn Monroe e la musica di Elvis Presley. Nel secondo quadro dello spettacolo, i due ragazzi siciliani hanno conosciuto da vicino gli sport più caratteristici e importanti del continente, tra le più prestigiose università del mondo. Così, dal basket, al baseball i giovani sono passati ad un viaggio in mare alla scoperta del Sud America, tra il Messico e il suo ritmo latino, e il Brasile con la sua coinvolgente Samba.

 


Alla fine di questo lungo percorso i due esploratori siciliani hanno conosciuto da vicino la cruda mafia Italo-americana, scoprendo così le loro tanto ricercate origini.

Tra il pubblico presente anche Sergio Cassisi, presidente del comitato provinciale Ragusa dello Csen, Centro Sportivo Educativo Nazionale, che si è complimentato con la bravura dell’insegnante Paola Gambuzza, capace di trasmettere il suo amore per la danza a grandi e piccini, tra cui la più piccola allieva di soli due anni.

Un finale pieno di ringraziamenti e commozione, che ha dato sempre più conferma di quanto i sacrifici e la dedizione portino sempre grandi risultati. Un messaggio importante quello di Paola Gambuzza, che ha concluso il suo spettacolo 2019 dicendo: “Mai arrendersi, perché dopo il buio uscirà sempre un raggio di luce!”.

Natasha Gambuzza 

Galleria fotografica: NoveTv. Clicca sulle foto per ingrandire