patente-albanese-falsaNel corso dei posti di controllo effettuati nei giorni scorsi nel comune di Ragusa, la Polizia Stradale di Ragusa ha proceduto al fermo di 2 conducenti di nazionalità albanese, residenti nella città iblea. Gli agenti, verificando i documenti, rilevavano che i due erano ancora in possesso di patenti albanesi nonostante fossero residenti a Ragusa da diversi anni.

Dal momento che il Codice della Strada prevede che le patenti straniere debbano essere convertite entro un anno dall’ingresso in Italia, i due conducenti venivano verbalizzati e le patenti ritirate.

Sui documenti venivano esperiti ulteriori accertamenti da parte della squadra di Polizia Giudiziaria della Sezione, attraverso idonea apparecchiatura a luce ultravioletta ed il confronto con i modelli originali, dai quali emergeva che i loghi dello stato albanese non presentavano le previste fluorescenze.

Al fine di acquisire ulteriori conferme, i documenti venivano inviati al Gabinetto Regionale della Polizia Scientifica della Questura di Catania che ne attestava la definitiva falsità; per tale motivo i documenti venivano sequestrati penalmente e i due denunciati alla Procura della Repubblica di Ragusa per uso di atto falso; inoltre, veniva loro contestata la guida senza patente, con l’irrogazione di complessivi 10.000 euro.

Durante un posto di controllo effettuato nel pomeriggio di ieri sulla Ragusa Catania, il conducente di un tir, appartenente ad una società catanese, esibiva la carta di circolazione ove era apposto il tagliando di avvenuta revisione nel 2016.

Gli operatori procedevano al riscontro della targa sulla banca dati della Motorizzazione, accertando che l’ultima revisione regolarmente registrata era stata effettuata nel 2013. Da una ulteriore verifica emergeva che i codici inseriti nel tagliando non corrispondevano con il centro di revisione indicato, per cui, il documento veniva sequestrato penalmente ed il conducente denunciato alla Procura della Repubblica  per uso di atto falso.

Per quanto riguarda le prossime festività, al fine di consentire un esodo più sicuro, verranno effettuati servizi specifici nel territorio ibleo, con pattuglie motomontate per il contrasto dell’uso del cellulare alla guida; inoltre, anche nelle ore diurne verrà utilizzato l’etilometro e per contrastare l’eccesso di velocità verrà impiegato, nel giorno di Pasquetta, il Telelaser sulla Ragusa Catania e sulla strada per Marina di Ragusa.